Calcolo-rata-mutuo.it

CONSOLIDAMENTO PRESTITI

Un'ottima idea che può aiutare chi ha acceso troppi finanziamenti è il consolidamento prestiti.

- Che cos'è un consolidamento prestiti?

Si tratta di una proposta degli istituti di credito, banche e finanziarie, utile a tutti coloro che abbiano fatto 'troppi' finanziamenti rateali in un periodo di tempo piuttosto ridotto, oppure in concomitanza ad altri prestiti o mutui. Questi soggetti si possono ritrovare quindi a dover pagare mensilmente un numero eccessivo di rate di diversi importi, frutto di acquisti di beni al consumo, o finanziamenti personali di svariato fine, effettuati per i motivi più vari. L'opzione del consolidamento prestiti corre in aiuto appunto a coloro che, sommando ogni rata mensile, si rendono conto di avere troppa pressione economica sulle loro reali entrate e disponibilità finanziarie, e si possono trovare in difficoltà a saldare ogni debito in corso. Se la rata totale, ossia la somma mensile di quella che inizialmente era 'solo una piccola rata', è troppo pesante, il consolidamento prestiti consente di accorpare tutti i finanziamenti in corso e 'ri-creare' un piano di ammortamento nuovo, con un periodo di rientro più lungo, quindi con un'unica rata di importo inferiore e di conseguenza più gestibile. Presa consapevolezza delle proprie difficoltà, il cliente farà indubbiamente una scelta saggia a rivolgersi ad un istituto di credito per un consolidamento prestiti, e ne trarrà vantaggio anche per il fatto che solitamente il tasso dei 'consolidamenti prestito', è spesso più basso di quello dei finanziamenti accesi. Inoltre la possibilità di pagare in tempi più lunghi un'unica rata più piccola dà sicuramente sollievo e maggior tranquillità. Molto spesso è possibile aggiungere ulteriore liquidità al consolidamento prestiti.

- Chi può richiedere un consolidamento dei prestiti?

I soggetti ideali che possono richiedere un consolidamento dei prestiti sono generalmente lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, infatti è molto importante dimostrare una situazione creditizia ed uno stato di analisi economica 'sani', senza iscrizioni alla centrale rischi o pignoramenti. Chi ha un valido contratto lavorativo, appunto, è avvantaggiato, in quanto l'istituto di credito che approverà la domanda per un consolidamento prestiti farà appoggio sullo stipendio contando sulla cessione del quinto. Stesso esempio vale per i pensionati e per chiunque dimostri un reddito fisso mensile. Chi non possiede questo tipo di situazione, potrà avvalersi di un garante, o fare l'ipoteca su un immobile, o sottoscrivere una fideiussione. La banca o la finanziaria scelta, dopo aver approvato la richiesta, concederà il consolidamento del prestito basandosi sulla somma dei residui delle rate ancora da pagare, cambiandone il tasso, riducendole da molte ad una rata mensile, modificando il periodo nel quale effettuare il rimborso, anche arrivando fino a 120 mesi.

Consolidamento prestiti aggiornato il 12 Aprile 2017


Vai alla home:Calcolo Rata Mutuo

consolidamento prestiti